Festività natalizie, bene il servizio Amiu

“Nonostante un calendario particolarmente sfavorevole tra il 25 e il 28 dicembre e il normale incremento della produzione di rifiuto del periodo natalizio, la situazione è rimasta sotto controllo. Se si fa eccezione per qualche fisiologica criticità accentuata dalle festività ravvicinate, la raccolta è stata smaltita completamente, così come da programma, nella giornata di oggi e le percentuali di raccolta differenziata non sono state snaturate”.
Antonio Di Biase, direttore di Amiu Puglia, sottolinea come “il piano di rafforzamento della raccolta differenziata e indifferenziata messo in campo nel periodo natalizio da Amiu, associato alle tante iniziative di sensibilizzazione e comunicazione avviate nelle scorse settimane, ha dato i frutti attesi. Le percentuali di raccolta complessiva sono rimaste in linea con quelle maturate finora, abbondantemente oltre il 30%, così come sono stati confermati i progressi nella raccolta della frazione organica, sintomo che i baresi stanno entrando nella mentalità che differenziare conviene, in ogni senso”.
“Certo – conclude Di Biase – auspicavamo che, considerate le condizioni particolari dettate dal divieto di conferimento stabilito dall’ordinanza, le percentuali di conferimento delle frazioni differenziabili potessero aumentare. Tuttavia, alla luce delle premesse e delle esperienze del recente passato, l’aver evitato l’emergenza ambientale, garantendo ai cittadini condizioni di assoluto decoro, è già un ottimo risultato. Merito dell’efficienza del servizio Amiu, ma soprattutto della collaborazione di tanti cittadini baresi”.
“Aver superato il 36% di raccolta differenziata – fa eco l’assessore all’ambiente del Comune di Bari, Pietro Petruzzelli – è un risultato incoraggiante che, però, deve spingerci ad un maggiore impegno nel 2015 con il superamento del 50% della raccolta differenziata attraverso l’introduzione del porta a porta spinto e la riduzione dei cassonetti nei quartieri centrali della città. L’intenzione dell’amministrazione, in sinergia con l’Amiu, è potenziare ulteriormente la raccolta della frazione organica, inasprendo i controlli sui mercatali e sugli esercizi commerciali. La scelta strategica della frazione organica è giustificata dall’impegno nella chiusura del ciclo con la realizzazione dell’impianto di compostaggio”.

< Torna indietro